Cruciverba o sudoku: le differenze fondamentali

di | 19 Settembre, 2019

Le parole crociate o cruciverba

Quelli che conosciamo come cruciverba, nascono col nome di parole crociate (nel 1980 col nome di parole incrociate) proprio perché lo scopo è quello incrociare lettere o intere parole per scoprirne altre. Infatti il classico cruciverba si presenta come una griglia, formata da quadrati bianchi e neri. Su quelli neri non si può scrivere in quanto fungono da spaziatori. La griglia può essere di diverse dimensioni e di varie difficoltà, dal livello principiante al livello esperto. Ogni riga e ogni colonna è numerata e sotto la griglia troviamo una serie di definizioni che risolvendole ci daranno la parola da inserire nelle apposite caselle. Le definizioni del cruciverba si dividono tra quelle che vanno inserite in orizzontale e quelle che vanno inserite in verticale. Man mano che si risolvono le varie definizioni la griglia si riempirà svelando così il nome della persona nella foto (la maggior parte delle volte) contenuta nel riquadro all’interno della griglia, che è lo scopo primario dei cruciverba.

L’utilità delle parole crociate

I cruciverba sono molto utili perché allenano il ragionamento, e anche chi pensa di conoscere molte parole della lingua italiana, scopre che invece non si finisce mai d’imparare; chi è solito “fare le parole crociate” dopo molto allenamento riesce ad individuare le parole anche con poche lettere a disposizione, proprio perché il cervello è ormai abituato a scartare le parole che non sono quelle corrette e ad individuare quelle esatte.

Si imparano molti sinonimi e contrari, così come si può imparare di geografia o di storia e cultura generale e anche di grammatica.

Le parole crociate sono uno di quei giochi di enigmistica adatti sia ad adulti che ragazzi, proprio perché ne esistono di diverse difficoltà. Sicuramente abbiamo visto almeno uno dei nostri nonni impegnarsi con le parole crociate e notare come persone che non hanno avuto possibilità di studiare sono diventate bravissime in questo “gioco”.

Sudoku

Il Sudoku moderno che conosciamo nasce nel 1979 e arriva in Giappone nel 1984.

Si presenta anch’esso come una griglia, formata da tre colonne e tre righe che formano nove quadrati, ognuno formato da nove caselle tutte bianche. Lo scopo del gioco è quello di riempire tutte le caselle di ogni quadrato con i numeri che vanno dall’1 al 9.

Anche qui sono presenti diversi livelli di difficoltà. Il gioco più è semplice più darà numeri già inseriti dai quali partire. La difficoltà la si trova quando i numeri dall’1 al 9 si ripetono in ogni quadrato ma non devono esserci ripetizioni per ogni piccola riga o piccola colonna e basta solo un numero fuori posto per riempire in modo errato tutta la griglia e ricominciare da capo.

Allenare la mente al calcolo

Anch’esso molto utile per allenare la mente al calcolo delle probabilità; la nostra mente automaticamente dopo parecchio allenamento, saprà subito dove andrà un numero piuttosto che un altro.

Differenze fondamentali tra cruciverba e Sudoku

Le differenze importanti tra cruciverba e Sudoku sta nella particolarità che il Sudoku è principalmente composto da numeri mentre le parole crociate, come suggerisce il nome, è composto da parole. Lo scopo del primo è quello di riempire le caselle con lettere, del secondo con numeri.

Il Sudoku non ha definizioni dalle quali trarre le riposte. È fatto solo di calcolo matematico.